Proust e la scrittura. Le Palladium Lectures di Baricco.

“Quando cominci a dissezionare, la realtà tende a disfarsi. E qui sta la capacità tecnica: scrivere significa mettere insieme il mondo dopo che lo hai fatto a pezzi”.

Alessandro Baricco conclude così il ciclo di letture iniziate quattro giorni fa al Palladium di Roma, descrivendo la straordinaria tecnica stilistica di Marcel Proust e recitando in modo impeccabile alcune pagine di “Viaggio al termine della notte” di Louis-Ferninand Céline.

L’evento è stato trasmesso in webstreaming anche su Repubblica.it e naturalmente condiviso in ogni dove tra gli amanti della letteratura. Qui sotto, alcune riprese dell’ultimo intervento dedicato al più geniale e al tempo stesso enigmatico scrittore francese: pochi stralci di quelle che sono state vere e proprie autopsie minuziose di un Baricco più che informa che ha trasudato per ore passione a dir poco contagiosa.

“Proust fa un solo gesto, con un bisturi taglia”. 

“Proust disintegra l’amicizia, categoria forte del nostro vivere”. 

“L’addio a Molly di Céline, ovvero come fare a pezzi Proust”. 

7 thoughts on “Proust e la scrittura. Le Palladium Lectures di Baricco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>