I messaggi nascosti dei loghi #1

Alcuni loghi contengono più informazioni di quelle che
riusciamo a vedere noi consumatori. Spesso narrano una
storia, una filosofia aziendale o un aspetto culturale del
paese in cui sono nati i loro prodotti.
Qui sotto trovate una raccolta di esempi che sfruttano
la teoria del “vedo non vedo” in modo a dir poco geniale.
Tra qualche giorno, la seconda puntata,
con altri loghi e altri messaggi nascosti.

Il logo che rappresenta la catena di supermercati francesi
Carrefour è formato da due frecce rivolte in direzioni
opposte che creano, in negativo, una grande C.

Sun ha fatto del suo logo personale uno degli anagrammi
più famosi del mondo. La scritta, leggibile da ogni
direzione, è stata progettata dal professor Vaughan Pratt,
della Stanford University.

Toblerone è il nome della fabbrica di cioccolato di Berna
(Svizzera). Berna viene spesso soprannominata “la città degli
orsi”, per questo, all’interno del logo si può intravedere, costruita
in negativo, la silhouette di un piccolo grizzly.

Quasi tutti individuiamo il sorriso nascosto nel logo di Amazon,
ma non ci accorgiamo che la freccia, oltre ad indicare una
particolare attenzione alla costumer satisfaction, informa anche
che nel negozio online più famoso del mondo si può trovare
di tutto, dalla A alla Z.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *