Il pop up store di Marc Jacobs: post, no cash.

Nel nuovo negozio dedicato a Daisy si paga con l’hashtag.

Cos’hanno in comune Marc Jacobs e i social network? Un pop up store.
Dal 7 al 9 febbraio lo stilista statunitense apre a New York un negozio pop up in occasione della New York Fashion Week. La novità è nel pagamento dei prodotti: non si accettano contanti, ma post su Twitter, Instagram e Facebook con l’hashtag #MJDaisyChain. E nella moda anche la fantasia va premiata: l’autore del post più creativo riceverà gratis l’oggetto più costoso del negozio.

“No dollars will change hands. Transactions will be based solely on a customer’s use of Twitter, Instagram, and Facebook”, scrive Teofilo Killip.

Migliaia di tweet, però, non bastano: molti studi, infatti, hanno dimostrato come un elevato buzz sui social media incrementa le vendite di un brand on e off line. Nulla di nuovo nella rete, quindi, dove le campagne pay with tweet hanno attirato marchi e aziende. Marc Jacobs lo fa con stile e non è il solo stilista a utilizzare questo modo di fare marketing. Tommy Hilfiger sta organizzando una sfilata a New York per il 10 febbraio: un evento dove sono previsti l’hashtag #tommyfall14 per creare buzz, #nyfwinstameet e scambiarsi opinioni su vestiti e gossip.
Il marketing diventa smart. Marc Jacobs attende amanti della moda e dei social al Daisy Marc Jacobs Tweet Shop, che aprirà 3 giorni dalle 11 alle 19 nella 462 West Broadway a SoHo, per lanciare fragranze e accessori della nuova linea Daisy. Nel pop up store di Marc Jacobs i clienti saranno accolti con cibo, bevande e musica; a chi vorrà prendersi una pausa sono dedicate una zona relax, dotata dell’immancabile wi-fi, e la mostra fotografica di Langley Fox ispirata alla linea Daisy.
Sarà un pop up di successo o un flop? Lo sapremo solo “tweettando”.

 

One thought on “Il pop up store di Marc Jacobs: post, no cash.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *