Esperimento like: il piacere compulsivo di Facebook.

Indagine su un social al di sopra di ogni sospetto.

Mat Hanon, redattore di Wired, ha cliccato il pulsante like di qualunque contenuto che Facebook ha proposto in 48 ore. Il risultato? Leggiamolo insieme!
L’EdgeRank.
Sottolineiamo che questo “piacere compulsivo” non ha seguito alcuna logica e che quindi ogni post, anche se banale e inutile, è stato oggetto di like, compresi gli articoli correlati che Facebook propone a ogni manifestazione di interesse.
Obiettivo di questo esperimento non era indurre l’utente alla schizofrenia, ma osservare il comportamento dell’EdgeRank, l’algoritmo del social network più cliccato.
Ebbene sì, anche Zuckerberg ha previsto algoritmi per la sua creazione di 400,4 miliardi di dollari. L’EdgeRank esamina quanto sono rilevanti i contenuti per gli utenti e determina la visibilità dei post: decide, insomma, quali passano il turno e quali invece è meglio nascondere dal suo universo.

Primo risultato: per Facebook vince il traffico da dispositivi mobili.
Hanon, dopo 24 ore, ha scoperto che da cellulare e tablet erano rimasti soltanto brand e post promozionali.
Dal computer, invece, ha notato che alcuni post degli amici erano sopravvissuti allo shock, anche se i contenuti pubblicitari rappresentavano sempre un numero maggiore.
Una tesi in poche parole? Semplice: Facebook privilegia la navigazione da dispositivi mobili, che bombarda con contenuti promozionali, perché i post di amici e parenti, decide l’algoritmo, non sono remunerativi.
Il dato di fatto è che il News Feed di tablet e cellulare non corrisponde a quello del computer.

Secondo risultato: niente di nuovo dal digitale.
Non sarete sorpresi della notizia. Abituati come siamo al sistema Google, non è una novità la tendenza (anzi, la strategia) di Facebook di far apparire nella nostra home page contenuti che trattano gli stessi temi dei post che ci piacciono e che condividiamo.
Siamo controllati? Sì, lo siamo, ma sappiamo anche che rinunciare a Google e Facebook sarebbe come sacrificare la panna sopra una fetta di squisita torta alle fragole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *